Quando il joystick ha le unghie laccate…

Photo by clpnation.com

E’ inutile girarci troppo intorno! Quanto è difficile essere una gamer donna!
Il mondo dei videogiochi e dei computer è sempre stato dominato da figure maschili.
I creatori degli home computer più famosi e delle console più giocate al mondo sono maschi. I videogiochi sono nati per i maschietti e la maggior parte dei giocatori sono maschi. Proprio per questo motivo quando le femminucce come me, cresciute magari con un fratellone di dieci anni più grande – il quale mi faceva sempre giocare col suo Commodore Vic20 o C64 – o semplicemente quelle che hanno scoperto il mondo dei videogiochi si cimentano con i videogames, il mondo nerd comincia a vacillare.

8703484_orig

E come in un gioco fantasy ci sono le diverse fazioni: da un lato ci sono i nerd brufolosi che appena vedono una ragazza con in mano un joystick – o joypad per parlare più moderno – cominciano a sbavare – forse immaginandosi scenari erotici con connessioni joypad-pisello 😁 che noi povere giocatrici ignoriamo – e ti si attaccano dietro il collo mentre tu giochi davanti allo schermo con la fiatella al chewing-gum del suddetto nerd arrapato.

943031_orig

Ci sono poi quelli che quando entri al Game Stop ti guardano con occhi strabuzzati come se avessero visto un alieno in Piazza Duomo che si spara un selfie e si domandano ‘Cosa ci farà mai una donna qua dentro??’ – La stessa cosa che fai tu bello!
Rispondo io 😄 Poi ci sono i fenomeni – da baraccone – quelli che considero i peggiori, i saccenti, quelli che sanno TUTTO di TUTTI i videogames del mondo e quando vedono che giochi o che parli di videogiochi, solo perché sei donna ti trovano il pelo nell’uovo pur di tirarti addosso fango: ‘Giocavi con l’AMIGA e non al cabinato? Sei una sfigata!’
Oppure ‘Il tuo gioco preferito è Tomb Raider? Non capisci un cazzo!’ e così via!
Poi grazie a dio esistono anche quelli carinissimi, – la maggior parte di voi miei cari followers lo è ❤️ – e per questo vi sparo un combo di baci virtuali 😉😘😘😘 – che prima vedono che sei una ragazza, – 1 punto – poi vedono che sei carina, – 2 punti – poi scoprono che sei simpatica – 3 punti – poi leggono che parli e che ne sai di videogiochi e che magari hai anche un blog – ehm ehm – e li superi direttamente il livello entrando nelle loro grazie! 😁
Io alle prese con Space Invaders per ATARI 2600 al BitStory 2016

Io alle prese con Space Invaders per ATARI 2600 al BitStory 2016

Le caratteristiche delle gamers o delle retrogamers sono ben precise.
Solitamente sono innamoratissime di personaggi come Ezio Auditore – 😍 – o vecchie glorie come il mostriciattolo verde col ciuffone color rame di Street Fighter Blanka – lo amavo alla follia – ma anche Kazuya Mishima era notevolmente arrapante. 😁
Alle fiere si vestono sempre come il proprio personaggio preferito e non si vergognano neanche di farlo. Ok non sono mai arrivata a questo – tranne per un Carnevale nel quale mi ero vestita dal protagonista di AC ma è un’altra storia 😁 –

8952511_orig

Le retrogamers come me che alla fine degli anni 80 o inizi 90 giocavano a giochini di lotta – Street Fighter II, IK+ etc – erano bravissime a schiacciare tutti i tasti a caso per riuscire a sconfiggere l’avversario! NON ESISTEVANO mosse precise: schiacciali tutti e prima o poi quella cacchio di combo salta fuori da sola! 😂

8228144_orig

Quando mi capita di parlare con un uomo appassionato o esperto di informatica e retrogaming, adoro vedere la sua espressione piacevolmente stupita mentre gli racconto di quanto mi ricordo bene quando aspettavo quella mezz’ora buona che il registratore del Commodore 64 – biscottone tutta la vita – caricasse il giochino e se saltava il numerino – succedeva spesso – eri fatto perché dovevi ricominciare da capo, il che significava aspettare un’altra mezz’ora 😁 O quando canticchio le sigle dei giochi più belli con cui ho giocato come il fantastico THE BLUES BROTHERS per AMIGA500, la musichetta psichedelica di RADAR RAT RACE sul VIC20 e così via!

E allora cari maschietti amanti dei video – retro – games, vi sfido ad una partitina a Space Invaders, magari sull’ATARI 2600, e, anche se so che perderò – sono una schiappetta lo ammetto – il divertimento di “nerdare” insieme, non me lo toglie nessuno 😉

2888271_orig

Io nell’89 alle prese con il mitico COMMODORE VIC20


Venite a trovarmi sulla mia pagina Facebook: LaMary Diaries

LaMary Diaries

LaMary Diaries

Ossimoro: Milanese Imbruttita amante del bello. Laureata in Arte, gattara, curiosissima, innamorata della mia città, dipendente dalle virgole e dalle patatine fritte.